L'abito da sposa dal gusto vintage anni '20...


Non c'è più grande soddisfazione per una sarta di quella di cucire il vestito da sposa per una propria parente, se poi è tua sorella anche meglio! Sono super felicissima di mostrarvi l'abito da sposa tanto atteso che ho creato per mia sorella in occasione del suo matrimonio in Certaldo. :D
A marzo di quest'anno in soggiorno a Londra a casa di mia sorella, quasi per scherzo le dico "Ma allora te e Mark vi sposate o no??" e lei "Mah...non so, intanto però ti faccio vedere che vestito vorrei!". Ecco è cominciato tutto così, lei provocatoriamente ha detto poi a Mark "Guarda che io sto facendo vedere a mia sorella il vestito da sposa, ma quindi ci sposiamo o no?" e lui tranquillo " Ok va bene". In una settimana, quella in cui c'ero anch'io, mia sorella ha trovato la location per la cerimonia e il ricevimento, sapeva già su per giù il menù, le scarpe, il copricapo...tutto! E io ovviamente mi sono offerta di crearle l'abito. Non è stato super facile lo ammetto, ma neanche così terribile come credevo. Tornata dal mio soggiorno ho subito fatto il modello, creato una prova in fodera che ho poi fatto misurare addosso a mia sorella quando è tornata in Italia a trovarci. Siamo poi andate insieme a scegliere e comprare le stoffe: 3 mt di pizzo francese con pailettes, 3 mt di raso e 1 mt di maglina. Tutto rigorosamente avorio. Fatta la prova e modificate alcune cose ho cominciato a tagliare la stoffa e ho imbastito tutto l'abito. Qui mi devono fare santa: ho poi prenotato un volo a giugno solo per andare da mia sorella un giorno per provarle il vestito. Se potete evitate di fare un vestito del genere da così lontano perchè starete minimo 3 mesi con ansia fissa e incubi ricorrenti la notte su come cucirlo. Da questo punto in poi ci ho dato dentro e ho cucito il vestito in un mese... Ci sono stati momenti di panico, altri in cui volevo dargli fuoco, ho dovuto per ogni cucitura togliere e ricucire le perline del pizzo. Volevo morire. Però mentre lo facevo pensavo "Dai sarà un successo, non puoi permetterti di mollare o di trascurare il lavoro: è un matrimonio!!!!". E' comunque andato tutto alla grande, mia sorella è rimasta super felice e soddisfatta del risultato, io ho intrapreso una sfida non da poco che sono riuscita a superare, e anche tutti i presenti al matrimonio hanno apprezzato. Io invece per l'occasione ho indossato una tuta intera molto semplice, smanicata, con i pantaloni palazzo e uno scollo aperto a goccia sul dietro...vi parlerò presto anche di questa creazione!

Il vestito è evidentemente non convenzionale, in stile anni '20, come si può intuire dalla vita molto larga e dalla veletta a forma di cloche. Anche la veletta l'ho creata io sempre seguendo un modello trovato sul web come voleva mia sorella. Vi lascio alle foto...fatemi sapere cosa ne pensate! un bacione :)






L'abito originale di Charlie Brear 

La veletta originale di Twigs & Honey



E la mia creazione :)































Ps. per ora ho solo queste foto che sono state fatte tutte dal cellulare, le foto ufficiali dei fotografi dovrebbero arrivare a ottobre :) 


8 commenti:

 

Subscribe

Follow

Like us on Facebook and Twitter