Inspired by: Valentino Garavani



Sono parecchio in ritardo, di circa 5 mesi, nel senso che questa che vi mostrerò è una collezione che ha sfilato a marzo. Sto parlando della collezione autunno/inverno 2013-14 di Valentino Garavani, che sicuramente avrete già visto e apprezzato. Io sono tardiva, non sono un tipo che guarda tutte le sfilate in diretta e passa la vita a sfogliare le foto delle passerelle su Vogue. A dir la verità questa collezione l'ho scoperta a scuola, grazie alla nostra insegnante che riprendendo una pubblicità da un giornale, ci ha rifatto fare il modello di uno dei vestiti della collezione.
Vi chiederete: perchè ci fai vedere una collezione vecchia, ormai già vista, quando ha già sfilato la preview di quella estiva? Semplice! Mi piace da morire e voglio condividere questo mio nuovo amore, sottolineando quanto mi sento vicina allo stile proposto. E poi anche perchè la stagione fredda sta per iniziare, e mi pare in tema con quello che dovremmo indossare nei prossimi mesi.

Sarà la confortante sapienza sartoriale, i richiami alla camicia, i tagli, le forme, le pince presenti in ogni capo, i fantastici pizzi, ma questa collezione mi ha catturato, e tra le tante è la mia preferita. Il resto mi sembra così dozzinale e di cattivo gusto in confronto.
Anche se non è più presente il vero Valentino, i due direttori creativi alla carica (Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli) riescono a seguire le orme del grandissimo e non deludono per niente.
Io lo spiegherei sicuramente male quindi vi cito quello che viene detto direttamente sul sito ufficiale, in proposito alla linea d'ispirazione che sta dietro alla collezione:




Ecco amo tutto: non so come altro commentare. Le curve, i motivi, la finta rigidità che cela una fragile sensualità così dannatamente sexy, i richiami alla camicia attraverso i polsini e il colletto. Le lunghezze estreme, sia cortissime che lunghissime. I tessuti preziosi, l'uso bilanciato di tinte unite con le fantasie lussureggianti. Le scarpe! E' una genialata quella delle scarpe che scoprono ma coprono, più le guardo più le desidero. E trovo che sia stato fatto un ottimo lavoro. Lo si capisce dal fatto che se anche non avessi letto il trafiletto che ho riportato, semplicemente guardandola questa collezione ho da subito capito i riferimenti, le allusioni e il messaggio che voleva essere trasmesso.
E ovviamente apprezzo tanto questa collezione non solo perchè a pelle la sento mia, ma perchè se guardata con occhio esperto, analizzando il dettaglio si vede che è stato fatto un grande studio sul modello e la vestibilità. Non c'è un vestito che non abbia una pince di petto. La perfezione assoluta. Datemi retta, se potete vestitevi Valentino questo inverno; meglio ancora se per l'eternità.
















I dettagli




All the images are taken from Vogue.it and Valentino

0 commenti:

 

Subscribe

Follow

Like us on Facebook and Twitter